Archivi per la categoria ‘Saggistica’

Saggio – La figura di Giuda Iscariota: profili di un traditore

.

A distanza di più di venti secoli, “mentre la decristianizzazione avanza, mentre libri male affastellati sognano non si sa quali amori morti tra Maria Maddalena e il Cristo o Giuda”[1], scrive lo studioso francese Pierre-Emmanuel Dauzat, rimane pressoché inossidabile nella cultura occidentale un solo personaggio: Giuda Iscariota. Egli rimane in un senso profondo, perché strettamente legato al collo dalla corda del suo tradimento, macchiato di secolo in secolo dalla nascita di sempre nuove leggende nere, che lo hanno visto diventare nel tempo traditore, deforme, parricida ed incestuoso. Giuda è una figura avvolta nell’oscurità e nell’ambiguità, ma che viene continuamente illuminata da nuove azioni immorali, orrori ma anche riscatti, in un gioco di luce ed ombra che gli è connaturato; la sua porosità rende possibile una “profusione delle sue escrescenze esteriori”, tanto da far scomparire il profilo reale dietro l’immagine mitica. Se da un lato è opportuno lasciare da parte la pretesa di tentare di storicizzare il personaggio di Giuda, dall’altra si può risalire al “profilo biblico” dell’apostolo, con l’intento di riuscire a tracciarne al meglio le successive evoluzioni culturali.

Inevitabilmente il personaggio di Giuda, nella sua esistenza paradossale e contraddittoria, induce anche a porsi delle questioni teologiche di fondamentale importanza: il rapporto tra grazia divina e libertà umana, la condizione dell’uomo e la sua tensione tra il bene e il male e in ultimo la domanda più paradossale: come può un intimo di Gesù, uno dei dodici Apostoli essere un cuneo di tenebra nella comunità perfetta? Questi temi di grande spessore vengono affrontati nell’analisi dei contrastanti impianti teologici di Origene ed Agostino, che con grande impegno esegetico e sforzo speculativo tenteranno di risolvere, ognuno a suo modo, la questione dell’enigma del male.  Leggi il resto di questo articolo »

Saggio – Pensiero borghese e proletario in “Storia e coscienza di classe”

.La categorie di borghese e rivoluzionario hanno permeato la filosofia, la letteratura e in buona parte tutte le scienze sociali dal sorgere del marxismo al XX secolo. Il saggio intende fornire un’analisi di alcuni passi fondamentali dell’opera di György Lukács, “Storia e coscienza di classe”, ritenuta fondamentale per tale tematica.
In Lukács le «antinomie del pensiero borghese» e «il punto di vista del proletariato» non hanno a che fare strettamente con una classificazione di benessere e censo di stampo statistico; borghesi e rivoluzionarie sono alcune scienze e le loro metodologie ed anche filosofi e ricostruzioni storiche possono essere caratterizzate in questo modo. Alla borghesia spetta la dilatazione ad oltranza del suo presente e l’applicazione di leggi razionali eterne nei contenuti dell’immediatezza; al proletariato la creazione di nuove mediazioni, la riscoperta di legami con delle tendenze del passato che facciano nascere nuove prospettive future.

Molte sono le riflessioni che possono nascere a partire dall’opera di Lukács in questo primo quarto di secolo del nuovo millennio; esistono ancora delle classi come soggetti dell’operare storico? Ed è ancora pregnante di senso quella differenza, che può suonare quasi come una tentazione, fra coscienza di classe e coscienza di ceto che il proletariato deve mantenere per non diventare anch’esso, quantomeno da un punto di vista teoretico, dalla mentalità borghese? Leggi il resto di questo articolo »

Saggio – Pausa e Ritmo. Sull’attacco della 5a di Beethoven

    Gli oggetti e gli eventi non sono esperienze primitive. Oggetti ed eventi sono rappresentazioni di relazioni. Dato che ‘oggetti’ ed ‘eventi’ non sono esperienze primitive e così non possono rivendicare uno status assoluto (oggettivo), le loro interrelazioni, l’“ambiente” è un affare meramente personale, i cui vincoli sono fattori anatomici o culturali […] Quelle proprietà che si credeva facessero parte delle cose si sono rivelate essere proprietà dell’osservatore.”  Così scrisse il fisico e filosofo Heinz Von Foerster in Sistemi che osservano. Partendo da questo presupposto, si evince che la conoscenza non è da cercare al di fuori di noi, bensì in noi. Ma allora che cos’è la conoscenza? Come la si acquisisce? Quanti metodi esistono per questa acquisizione ? Un unico metodo universale o molteplici e particolari? Quale o quali sono questi metodi? Ma soprattutto la conoscenza è riciclabile per acquisire nuova conoscenza? Si è cercato di dare una risposta a questi quesiti tentando di risolvere quello che viene qui definito ” L’enigma Beethoven”.

Tale enigma si cela dietro al compositore tedesco Ludwig Van Beethoven, figura cardine della musica del XIX ° secolo. L’estrema complessità della figura del compositore sembra essere custodita nel suo ruolo di transizione tra classicismo e romanticismo; egli è confine, terra di nessuno, tra l’uno e l’altro mondo, senza fare parte, in senso stretto, di alcuno dei due. La sua tecnica è classica, segue rigorosamente i dictat armonici e strutturali della scrittura musicale classica dell’epoca anteriore; ciò nonostante il risultato delle sue composizioni è strabiliante,emotivamente dirompente come un fiume in piena, ma soprattutto, diverso dalla musica che lo precede. Leggi il resto di questo articolo »

Saggio – Tertulliano interprete di Valentino

La storia del cristianesimo non è affatto un processo unitario e lineare, piuttosto descrive un percorso tortuoso, ricco di controversie e improvvisi cambi di direzione. Malgrado la storia del cristianesimo sia discontinua e controversa è comunque possibile individuare un principio valido che permetta di spiegarla e descriverla. Questo principio riguarda il rapporto tra il dono gratuito della Grazia e la facoltà del libero arbitrio, sicché anche le più radicali risposte teologiche debbono riconoscere, pure in minima parte, anche l’elemento opposto, che viene sempre e comunque accolto, anche se subordinato, di modo ché, chi opterà per l’onnipotenza divina, dovrà riconoscere il ruolo relativo anche alla libertà dell’individuo mentre chi opterà per il libero determinarsi della creatura non potrà misconoscere il ruolo relativo della Grazia di Dio. La grandiosa disputa teologica del II secolo d.C. tra Tertulliano e i Valentiniani può essere descritta e approfondita alla luce di quanto detto sopra.

Valentino e la sua speculazione ontoteologica rappresentano il tentativo più audace ed estremo del movimento gnostico. L’intero impianto ontologico, la minuzia con cui sono descritti i passaggi della tragedia e della salvezza divina, la complessa struttura cosmogonia e cristologia, nonché l’immensa elaborazione simbolica sono testimonianza del monumentale sforzo che i Valentiniani fecero per creare un sistema religioso, indubbiamente complesso, ma assai solido e sviluppato. Nella dottrina valentiniana la novità del dono finisce per coincidere con la riscoperta della propria filialità con Dio e della propria natura “sovrastorica”, sicché l’eversiva gratuità di grazia diviene reminiscenza platonica, ricordo della propria nascosta identità.
Come si evince dalla valutazione del sistema valentiniano, al termine del processo di salvezza, l’importanza dell’avvento escatologico di Gesù viene addirittura estremizzato in un intimità ontologica e filiale dello gnostico con il Dio di grazia.

Leggi il resto di questo articolo »

Saggio – Appunti sul concetto di straniero in età precristiana

Sembrerebbe sconcertante affermare che il concetto di straniero non è presente nella riflessione filosofica. Il termine, che letteralmente pullula nella cultura greca ed è costante soggetto di confronto nelle beneamate versioni latine liceali (chi potrebbe scordare gli hostes di Giulio Cesare?) è indubbiamente oggetto di diversi autori moderni e contemporanei, tra cui citiamo Hannah Arendt, Levi Strauss, ma anche di costante dibattito legato alle tematiche dell’integrazione, dell’immigrazione, dei conflitti, delle identità culturali a confronto … Eppure, sorprendentemente, se si apre un dizionario filosofico italiano, di questo particolare lemma non si trova traccia. Come può essere? Cos’ha fatto sì che le enciclopedie consultato e non portassero menzione del concetto di straniero, pur riportando invece mille altre definizioni di termini che, sul momento, non apparirebbero propriamente filosofici. Un esempio è, senz’altro, la parola “energia”, che se appare propria di universi altro dalla filosofia, quelli della fisica, della chimica e della meccanica, deriva la sua origine da una espressione aristotelica: ἐνέργεια (energheia), termine usato nel senso di “azione efficace”, e che solo dal 1660 ha assunto l’accezione di “potere” o “potenzialità”1 Questo saggio non offre, ne può permettersi di offrire, una risposta al perché il termine straniero “straniero”, come i concetti ad esso affini che percorrono la filosofia antica, non trova posto nei moderni dizionari. Quello che si propone è di colmare almeno in parte quella che è, indiscutibilmente, una grave assenza, soprattutto a fronte delle problematiche che questo tema pone nella modernità. Non potendo certo esaurirsi un simile argomento in un saggio breve, tanto per l’immaturità del compositore quanto per l’effettiva molte di ricerche e fonti richieste per definire propriamente un concetto tanto vasto e variegato come “straniero” in ambito filosofico (e quindi, indirettamente, in ambito letterario ed antropologico), ho diretto la mia ricerca su quei mattoni concettuali che ne costituiscono la base: i termini usati in età pre cristiana dalla civiltà greca, latina ed ebraica per rivolgersi allo straniero. Leggi il resto di questo articolo »

  1.  http://www.etymonline.com/index.php?term=energy;  Douglas Harper. Energy in Online Etymology Dictionary, consultato lo 07/03/2013

Saggio – La democrazia secondo Thomas Christiano

Questo saggio ha lo scopo di rispondere ad alcune delle domande che si fanno sempre più frequenti nel contesto dell’attuale crisi economica del sistema occidentale.

Quali sono le basi etiche della democrazia? Per quale motivo dobbiamo portare avanti le decisioni democratiche anche quando non concordiamo con esse? Quando è possibile ignorarle senza commettere un’ingiustizia nei confronti della democrazia? Perché tale forma di governo deve essere reputata acriticamente la migliore rispetto ad altre? Quali sono i principi che la giustificano?

Attraverso l’esposizione del pensiero di Thomas Christiano e l’analisi del suo libro The Constitution of Equality. Democratic Authority and its Limits, viene presentata una nuova teoria della democrazia molto discussa ed apprezzata in ambito internazionale.

Thomas Christiano è, insieme a David Estlund e a John Rawls, uno dei più importanti esponenti internazionali della filosofia politica contemporanea. In Italia il suo pensiero è completamente sconosciuto né esiste alcuna traduzione dei suoi scritti. Alla base di questo saggio vi è dunque un’importante lavoro di ricerca e di traduzione che si è posto come scopo quello di presentare un pensiero al centro del dibattito filosofico internazionale, ma che tuttavia viene trascurato dall’editoria italiana. Leggi il resto di questo articolo »