Articoli marcati con tag ‘inconscio’

Memoria ed inconscio: le colonne d’Ercole della psicologia scientifica

Memoria ed Inconscio -Top

1. Premessa

Col differenziarsi progressivo dei saperi è spesso stato compito, difficile e scomodo, di una branca delle scienze quello di criticarne un’altra, mostrando le leggerezze teoretiche e la sicumera non dovuta di alcuni fondamenti. Non ha fatto eccezione lo studio della ψυχή, la psicologia, a seguito della profonda metamorfosi che gradualmente ha portato una materia eminentemente filosofica a convertirsi in disciplina applicata, nuovamente rifondata su basi scientifiche; a cavallo fra il XIX e il XX secolo ciò implicava inevitabilmente un allignarsi nella mentalità positivistica, con le sue speranze e la salda convinzione di equivalenza fra metodi prima qualitativamente eterogenei in un comune sostrato matematico-empirico. Se lo stringere d’assedio al positivismo e allo scientismo non tardò a sbocciare già in contemporanea al suo rigoglio, un confronto maturo con quelli che furono i frutti dell’unione fra scienza e psiche venne intrapreso solo nella seconda metà del ‘900 (pensiamo all’antipsichiatria di Foucault, Goffman e molti altri). Eppure germi di tali intenti erano già presenti nell’istituzione della psicanalisi, oggi vista letterariamente come fiero alter ego della psicologia ufficiale, che in realtà si proponeva come conseguenza e proseguimento della stessa; nello spiritualismo e nell’evoluzionismo “vitalista”, che ai prodromi della fenomenologia indaga un mondo che non si esaurisce nell’assioma della causalità e delle relazioni fisico-chimiche.

Leggi il resto di questo articolo »

Jung e il “Così parlò Zarathustra”

Le riflessioni che hanno portato al concetto d’inconscio collettivo

Tra il 1934 e il 1939, Jung tenne un corso sullo Zarathustra di Nietzsche presso la sede del Club psicologico di Zurigo. La trascrizione integrale delle lezioni viene oggi finalmente pubblicata in Italia, per l’immancabile Boringhieri, in un corpo di tre volumi. È nel 1956 che Jung dà il proprio assenso alla pubblicazione dei corsi, ma è solo trentadue anni dopo che James Jarret ne cura la prima edizione inglese. Il succedersi di enormi ritardi nella pubblicazione dell’opera fa il pari solo con la scarsissima eco che questa ha prodotto.

Eppure le ricerche junghiane sullo Zarathustra sono un lascito preziosissimo, sia per chi si occupa filosoficamente di Nietzsche sia per chi è strettamente interessato alla psicologia analitica.Certo non si tratta di una lettura facile, ed è corretto asserire che questi seminari sono accessibili solo a chi già abbia un’adeguata conoscenza del pensiero junghiano e nietzscheano. Lo studioso di Jung, però, scoprirà di trovarsi davanti a quello che è lecito definire come uno scritto “esoterico”.

Leggi il resto di questo articolo »